Nuovo Corso di Teoria Musicale - Gaetano Natale

TeoMus

Nuovo prodotto

Questo libro, del maestro Gaetano Natale, rivela un'attenzione nuova sulla teoria della musica cogliendo, qua e là, nelle pubblicazioni già esistenti, contraddizioni, mancanze ed altro, ma dando anche spazio a soluzioni più attuali su alcuni temi caratteristici della teoria musicale. Utile per gli Istituti Musicali Parificati ed i Conservatori Statali.

Maggiori dettagli

19,00 € tasse incl.

Dettagli

Video di presentazione

http://www.youtube.com/embed/lV-bARGpdcA

Questo lavoro sulla teoria musicale nasce, prima di tutto, dall’esigenza di fare chiarezza su alcuni aspetti teorici, ma anche linguistici, dell’universo musica.

I vecchi testi di teoria, ma anche quelli abbastanza recenti, a volte compiono degli svarioni concettuali che appaiono, a dir poco, imbarazzanti; per esempio, l’argomento dei “tempi pari” e “tempi dispari” in qualche testo, non viene per niente trattato o, in altri, viene trattato quasi sempre male. Così come l’argomento di “semitono e tono”: non si può trattare questo argomento se non si precisa che nella nostra epoca esso è solo la sintesi di altri due procedimenti sicuramente più antichi e rispettosi, ciascuno a proprio modo, dell’intima natura dei suoni. Il primo risale addirittura all’epoca dell’antica Grecia ed è stato anche il più longevo dei tre, visto che è stato adottato per più di 1500 anni ed è il sistema pitagorico; l'altro, più "naturale", è il sistema zarliniano. Questo argomento dei sistemi musicali delle epoche precedenti è completamente assente in qualche testo di Teoria, o è trattato male in qualche altro; è raro l’ esempio di una sua buona trattazione, e quando c’è, appartiene sempre ad un testo di argomento specifico, mai ad un testo di teoria musicale. Un altro “capriccio” teorico lo si può riscontrare, in quasi tutti i testi di teoria, sulla differenza che esiste tra il “trasporto” e la “trasposizione”. Anche qui, alcuni testi semplicemente non ne parlano come se la differenza non esistesse ed invece esiste e come; altri ne parlano ma non sono molto puntuali nell’esposizione teorica, tanto è vero che, non di rado, gli stessi strumentisti traspositori hanno le idee confuse sull’argomento “trasposizione”. E così via…

Poi si rilevano alcune “mancanze” linguistiche, presenti nei succitati testi di teoria, che nascono da una nomenclatura “distratta” e passata. Un esempio per tutti può essere rappresentato dalla parola “tempo”: si usa questa parola per indicare la velocità di un andamento musicale, per indicare uno dei movimenti di una sinfonia o altra forma simile ad essa come la “sonata”, poi significa la frazione espressa in chiave, e ancora altro… Tutto questo ed altri episodi simili, non costituisce, da un punto di vista della comunicazione, un buon esempio di fluidità e scorrevolezza.

Ma questo lavoro nasce anche dall’esigenza di correlare, nei limiti consentiti da un’ esperienza editoriale di circa 140 pagine, l’ambito teorico- musicale con altre discipline umane come la storia, la filosofia, la fisica, l’acustica, la matematica ecc….; compito, questo, affidato alla parte più speciale del libro che è quella delle digressioni. In tale ambito trovano risposta diversi quesiti di ordine teorico che affrontano argomenti di fisica, come le oscillazioni e le vibrazioni; di filosofia, come il “processo musicale” (vera novità del libro, anche se non la sola); di linguistica, come la legatura proibita o la sincope zoppicante ecc…Tutte queste precedenti ipotesi di lavoro teorico cercano, con equilibrata determinazione, di collegare alcune esperienze umane riguardanti i vari campi del sapere con l’esperienza schiettamente musicale!

Buona lettura.     

Stampato su carta avorio tipo "Edizioni" da 80 gr. con copertina in patinata, plastificata.

 

teoria della musica, gaetano natale, musica, teoria solfeggio, note musicali, libro teoria musicale, e-book teoria, tempi musicali, diapason, metronomo, storia musica,